Quasi dei quadri

Non credo sia necessario che un architetto dipinga o faccia sculture, dipende da come si è avvicinato al proprio mestiere e quale sensibilità ha sviluppato. Se però ci si lascia affascinare da questa realtà, è un attimo. Da studente si costruiscono modelli in legno dei propri progetti; poi, nel mio caso, se si frequenta lo Studio di architettura e scultura Gianfranco Rossi, come riportava la placca posta a fianco del campanello d’ingresso, diventa una cosa naturale. Nel dipingere ritrovo l’intensità del fare architettura, del pensare a come le ombre potrebbero cadere sui muri. dell’accostare i volumi tra loro e del calibrare i loro colori.

Geometria (2011), Tecnica mista su legno, 120 x 75 cm

Bordo campo  (2013), Tecnica mista su legno, 130 x 165 cm

Il paziente  (2014), Tecnica mista su legno, 120 x 75 cm

Il cercatore  (2015), Tecnica mista su legno, 199 x 136 cm

Il giudice  (2015), Tecnica mista su legno, 201 x 133 cm

Tra monti  (2014), Tecnica mista su legno, 173 x 78 cm

architetto.ch©2019